Home / Vita Universitaria / La Vignetteria

La Vignetteria

image1

Megghiu mangiatu di cani ca ciangiutu di cristiani

Megghiu mangiatu di cani ca ciangiutu di cristiani = Meglio sbranato dai cani che pianto dalle persone  (Calabrese) Un modo di dire dal significato davvero poco accessibile se non si è meridionali: si accostano le lacrime al lamento dove le persone si lamenterebbero invidiando la persona di cui parlano. Quindi …

Read More »

Il lupo perde il pelo ma non il vizio

Il lupo perde il pelo ma non il vizio Una frase idiomatica comune a tutte le regioni d’Italia che esprime come sia molto difficile eliminare definitivamente le cattive abitudini ed evidenzia quanto siano a volte insuperabili, le difficoltà che si incontrano per riuscire a sconfiggere i vizi incalliti di cui siamo schiavi …

Read More »

Test’ i bagghiolu

Test' i bagghiolu = Testa di bugliolo (Sicilia e Calabria) Il bugliolo è un secchio in lamiera utilizzato solitamente per raccogliere l'acqua di mare sulle imbarcazioni oppure come latrina nelle carceri. La locuzione è particolarmente usata, sia in situazioni in cui il soggetto con cui/di cui si sta discutendo non sembra comprendere …

Read More »

A mari cu tutti i robbi

A mari cu tutti i robbi = Nuoto a mare ancora vestito (Calabrese) -Ritrovarsi in una situazione difficile, dove ogni pronostico elaborabile risulta sfavorevole   Annamaria Barone,Alessio Gugliotta  

Read More »

Panza e presenza

Panza e presenza = Pancia e presenza  (Sud Italia) Una frase idiomatica di cui si comprende facilmente il significato ma non la paternità, infatti sia i siciliani che i calabresi che i campani rivendicano questo modo di dire come proprio. Due sono le situazioni più comuni in cui viene adoperata questa …

Read More »

Moffi ch’i pedi

Moffi ch’i pedi = Schiaffi con i piedi  (Siciliano) Una locuzione dalla difficile comprensione per coloro che non sono cresciuti a Messina. Due sono le interpretazioni per questa frase idiomatica: –Una situazione complicata degenera nel peggiore dei modi: Compare duminica o’ stadiu finiu a moffi ch’i pedi –Sottolineare in un tafferuglio il …

Read More »